top of page

Mondo BONUS.


Trasformare e rinnovare l'interno e l'esterno del vostro alloggio oggi può costare molto poco anche ZERO vero o falso?


La conoscenza è libertà, comprare una nuova casa, trasformarla, comprare una casa appena trasformata, trasformare l'attuale vostra abitazione, rinnovarla nello stile, ripararla per quanto necessario, dotarla di ascensori, mezzi di abbattimento delle bariere architettoniche, realizzare un giardino, modificare i livelli e le quote del terreno attiguo alla vostra abitazione, realizzare delle coperture ombregianti, sostituire gli infissi, dotarsi di tecnologie nuove per la protezione, l'alimentazione, gestione della propria casa; sono tutte attività incentivate dai BONUS RISTRUTTURAZIONE, come conoscere e come sfruttare gli incentivi?


Puoi "cedere" metà del costo da sostenere o l'intero costo, di alcune delle opere descritte, alla società che le realizza, vero o falso?

La normativa riguardo le agevolazioni fiscali e i bonus non è mai stata così prolifera e così mutevole come in quest’ultimo periodo e quindi non è mai stata così soggetta a interpretazioni, pertanto attingendo a fonti per quanto possibile attendibili forniamo una sintesi frutto della nostra interpretazione e verificata da pubblicazioni ufficiali.

Facciamo il punto sullo stato di fatto, premetto che in passato a “disambiguire” rispetto alla normative riguardo il MONDO BONUS è stata l’Agenzia delle Entrate come ente competente ed è per questo che fonderemo la nostra sintesi prevalentemente sull’analisi delle ultime disposizione dall’Agenzia.


La nostra analisi si concetnra principalmente sull'edilizia residenziale, valutando i casi che riguardano le "ristrutturazioni" private.


Per semplicità procederemo rispondendo alle più frequenti domande che nell’esercizio della nostra professione ci vengono sottoposte dai committenti.


1- È necessario presentare una CILA per aver diritto ai bonus?


a. Ebbene no, senza ombra di dubbio, basta una dichiarazione e una fattura con il dettaglio dei lavori, per essere a posto con il Fisco. A chiarirlo la stessa Agenzia delle entrate con la Circolare 13/2019

b. Resta palese la necessità di documentare le attività edilizie da svolgere in ottemperanza agli strumenti urbanistici in vigore.


2- Per quali lavori è previsto il BONUS RISTRUTTURAZIONE?


a. Per alcuni lavori di edilizia libera.

b. Per lavori di ridistribuzione interna di cui è necessaria la CILA.

c. L’Agenzia fornisce senza dubbio un elenco completo dei lavori che riportiamo: https://www.agenziaentrate.gov.it/portale/web/guest/schede/agevolazioni/detrristredil36/per-quali-lavori-detrristredil36

d. Il glossario per l’edilizia libera specifica, per ogni categoria prevista dall’art. 6 del dpr 380/2001, quali opere ed elementi che possono realizzarsi.


3- Il bonus mobili e sempre legato alla CILA?


a. Assolutamente no, è sempre legato al bonus ristrutturazione, ma abbiamo visto che nella ristrutturazione rientrano attività di edilizia libera. GLOSSARIO - EDILIZIA LIBERA (ai sensi dell’ art 1, comma 2 del decreto legislativo 25 novembre 2016, n.222)

b. E' possibile usufruire del bonus mobili senza pratica edilizia? Il bonus mobili è riconosciuto a coloro che usufruiscono del bonus ristrutturazione per aver realizzato interventi di manutenzione straordinaria. Questi interventi però non richiedono sempre l'apertura di una pratica edilizia CILA o SCIA.


4- Posso pagare una fattura prima di depositare la CILA e non perdere le detrazioni?


a. La risposta alla domanda è si. (Circolare n. 13/E del 2019)

b. Sulla fattura pagata prima che inizino i lavori, o comunque anteriore al giorno in cui viene depositata la pratica urbanistica, dovrai far specificare che trattasi di acconto per lavori di ristrutturazione o di risparmio energetico. Meglio se la ditta che fattura entra nel dettaglio, specificando le lavorazioni. Lo stesso dicasi per l'acquisto di materiali! ESEMPIO: “Fattura di Acconto per lavori di Manutenzione Straordinaria (o Manutenzione Ordinaria se si tratta delle parti condominiali di un edificio): rifacimento completo dell'impianto elettrico immobile sito in via Roma 1, p2 Ardea RM." È quindi necessario a conclusione dei lavori che sia emessa una fattura A SALDO altrettanto specifica su quanto eseguito.

c. Il lavori per cui si possono disporre degli acconti sono: elettricista; idraulico; falegnami, impresa edile e muratori autonomi; parchettista o piastrellista; professionisti: ingegnere, architetto, geometra per la progettazione, direzione lavori, perizie e sopralluoghi; acquisto materiali; canone per l'occupazione del suolo pubblico; diritti di segreteria, di istruttoria e oneri urbanistici; Infine, per quanto riguarda i mobili e il relativo bonus, quest'ultimi possono essere acquistati solo successivamente alla data di inizio lavori.


5- Posso pagare una fattura che riguarda l’arredamento e che non sia compresa nel BONUS MOBILI prima dell’inizio lavori e della presentazione della CILA o SCIA?


a. Ovviamente si, Riguardo agli acconti versati prima della presentazione della CILA O SCIA, devono essere documentati con dettaglio mezzo fattura e possono essere antecedenti la data di presentazione della CILA O SCIA (come spesso accade per sincronizzare la consegna dei lavori) – MOLTE OPERE DI ARREDO NECESSITANO PIÙ TEMPO DEI LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE-. Posta la scarsa capienza del bonus mobili (estesa nel 2021 a 16.000€) è conveniente ed opportuno dettagliare e distinguere il costo degli arredi per le voci ammissibili nella ristrutturazione (capienza dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2021 la detrazione è elevata al 50% e il limite massimo di spesa è di 96.000 Fonte Agenzia delle Entrate). Questo è possibile solo ed esclusivamente per le società come Arch. srl che strutturata con una piattaforma fornisce servizi, materiali, componenti e arredi artigianali o industriali per la ristrutturazione. Nel caso di fornitura parziale (non del chiavi in mano) l'applicazione della normativa , ovviamente non cambia e per le voci pertinenti l'arredamento compatibilmente con la nostra piattaforma Arch. srl, possiamo fornire servizi e beni nell'ambito dei "BONUS CASA" e distinguere rispettivamente: progettazione, progettazione dell'arredo, rilievo e sopralluoghi, opere di falegnameria, materiali necessari alle opere di falegnameria su misura, ecc. Quindi si possono effettuare fatture ad acconto sui lavori definiti anticipatamente alla data di inizio lavori.


Trasformare e rinnovare l'interno e l'esterno del vostro alloggio oggi può costare molto poco anche ZERO vero o falso? Vero, lo strumento dello sconto in fattura, dell'importo relativo al credito IRPEF ceduto al fornitore che realizza le opere, può essere un meccanismo che riduce moltissimo il "costo" dell'intervento fino quasi ad "azzerarlo". Lo sfruttamento dei BONUS si ottimizza in modo direttamente proporzionale al tempo necessario per dar vita alle pratiche degli interventi. Se vuoi ottenere UN GUADAGNO del 10% delle opere da realizzare (posto il rispetto dei requisiti necessari per godernene) dovrai atttendere anche un anno (senza la certezza del risultato), per lo sconto in fattura del 50% meno della metà del tempo, per il rimborso del 50% delle opere pagate e coperte dai bonus la partenza e pressochè immediata.


5 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Yorumlar


bottom of page