Lo strumento di progettazione più affilato sei tu, il/la proprietario/a di casa!

"Abbiamo già visto che te determini i tempi ora determina i modi."

Sei un architetto mancato?

Vuoi risparmiare sulla consulenza di un designer?

Vuoi assaporare la libertà?

Perché no !?!

c'è il progetto "fai da te"

Puoi sicuramente ristrutturare casa senza architetto, usare programmi di disegno gratis, procurarti qualche buona idea, farti fare vari preventivi sui lavori.

L'unica cosa che non puoi fare è iniziare i lavori di ristrutturazione senza un progetto chiaro da eseguire (magari fatto da te)!

 

"Per poter scegliere bisogna conoscere, confrontare, valutare."

Iniziamo quindi a elencare gli strumenti progettuali più usati senza sottovalutare i vantaggi del "fai da te".

  • progetto "fai da te";​

"utilizza principalmente le tue competenze, si integra con i consigli monotematici degli artigiani e conoscenti, implica una grande disponibilità del tuo tempo, ha il vantaggio che non comporta inizialmente alcun esborso di denaro; per chi ha tempo, potrebbe anche essere intesa come l'analisi preliminare al progetto architettonico"

  • progetto on - line;​ 

"è un progetto fai da te integrato da indicazioni distributive ed a volte estetiche di un consulente remoto, comporta una piccolissima spesa, può essere inteso come una verifica di fattibilità dei desiderata del committente."

  • progetto architettonico; 

"il più completo approccio programmatico, implica una scelta e un impegno immediato, fornisce in modo completo tutti gli elaborati grafici tecnici e di dettaglio, comporta appunto un'impegno economico che a dir il vero è spesso recuperato ottimizzando gli acquisti e le spese nel corso di realizzazione dell'opera ;"

  • meta-progetto o progetto chiavi in mano; 

"il meta-progetto (in ordine cronologico è l'ultimo metodo di progettazione, quindi il più moderno) ha l'obbiettivo di gestione e di indirizzo del processo edilizio, focalizza l'operato sui desiderata iniziali per l'intera durata del processo edilizio, trascura gli elaborati grafici esecutivi tradizionali, si conclude con l'utilizzo del prodotto progettato, è il più INTERDISCIPLINARE dei metodi di progettazione"

Il progetto di ristrutturazione di casa fai da te ha un costo, valutalo prima di pagarne le spesse;

Conviene ?

vediamo ...

Valutiamo i limiti, costi e benefici e come usare il progetto fai da te.

Cominciamo a lavorare,

comincia il tuo PROGETTO FAI DA TE

fase 1

4 attività sono propedeutiche a qualsiasi metodo di progettazione e spettano ESCLUSIVAMENTE A TE falle con ATTENZIONE questo tempo è prtezioso. 

 
  1. sogna senza limiti la tua nuova abitazione

  2. ordina le priorità

  3. scegli il tuo stile

  4. definisci il budget

" il progetto è un percorso circolare, parte dal sogno e finisce con la verifica delle esigenze che lo hanno generato".

#SOGNA

Sogna senza limiti, non darti vincoli nel sognare la tua futura casa, i sogni come le esigenze sono il motore del progetto. 

Credo che solo una cosa renda impossibile la realizzazione di un sogno: la paura di fallire!” 

#ORDINA

Metti in ordine le priorità, nell'ordine il progetto trova il perfetto equilibrio. 

“So solo che la vita è fatta di scelte e bisogna saperle fare nell’ordine giusto."

#SCEGLI

Scegli il tuo stile, del tuo stile trovi ogni singolo componente edilizio.  

“Qualunque cosa decidiamo di fare sarà quella che poi effettivamente faremo.” 

#BUDGET

Definisci quanto sei disposto a fare, quante attività svolgere in autonomia, quante delegarle a un professionista, quanto tempo e quante risorse economiche dedicare al tuo nuovo progetto di casa. 

“Più alto è il budget, maggiore è la pressione.” 

fase 2

Dalle priorità sono emersi i tuoi obbiettivi e budget della progettazione, la normativa urbanistica stabilisce specifici strumenti per gli interventi edili, se vuoi aggiungere vani o modificarli, la normativa prevede che questa attività sia "asseverata" da un tecnico abilitato, se devi cambiare stile di casa o effettuare piccole modifiche che non variano catastalmente la planimetria puoi procedere in TOTALE AUTONOMIA.

 In questa seconda fase puoi già decidere di integrare il tuo progetto con dei consulenti o passare alla fase 3 del progetto fai da te.

 Non perdere comune le detrazioni previste dal BONUS CASA consulta il sito dell'agenzia delle entrate o fissa con noi un appuntamento in sede.

 

fase 3

Comincia a disegnare un lay out che soddisfi i desiderata;

puoi trovare nel web una serie di programmi free tra cui:

  • SketchUp Make. ...

  • DraftSight. ...

  • FreeCAD. ...

  • OpenSCAD. ...

  • KiCAD. ...

  • QCAD. ...

  • LibreCAD

" questo è il momento caldo del tuo progetto, devi conoscere un po di normativa sul dimensionamento minimo dei vani principali di casa, devi conoscere gli ingombri standard dei componenti edilizi e d'arredo, i rispettivi spazi d'uso, devi tenere d'occhio la vista d'insieme dei volumi che stai per realizzare. Questa, ovvio, è una fase preliminare nel caso di modifica della partizione interna dell'alloggio (in questo caso la normativa impone che tu incarichi un tecnico abilitato), nessuno ti impedisce però di formulare un ventaglio di soluzioni, saranno una buona base di progetto, procedi senza troppi scrupoli, SE VUOI  ci sarà una ulteriore fase di verifica del tuo operato da parte del tecnico che sceglierai; se il progetto non prevede un tecnico sicuramente saranno necessari artigiani, componenti e arredi per realizzare il tuo progetto, scegline uno specializzato e integra le tue scelte col consiglio fidato dello specialista."

La scelta di integrare la progettazione con degli specialisti (architetti, tecnici o addetti alla vendita) è una scelta importante,

E' UN OTTIMO METODO PER SUPERARE I LIMITI DEL "PROGETTO FAI DA TE" 

"Il progetto ha una sua anima, uno stile, rappresenta te ; scegli IL CONSULENTE  più compatibile con tutto questo, quello con cui si genera empatia, trascura facili vantaggi, sconti, offerte, promozioni, trascura in questa fase i dettagli; ti accorgerai che il progetto in questa fase sta cominciando a respirare dagli l'ossigeno della conoscenza."

fase 4

A questo punto del tuo progetto la distribuzione è chiara, ora elenca con dettaglio le fasi di progetto tutte le attività artigianali necessarie, tutti i componenti e gli arredi e comincia a dare un valore economico alle singole attività, stai facendo quanto di più simile c'è ad un computo metrico estimativo.

In questa fase, oltre ad elencare cosa, dovrai specificare come e, quali caratteristiche prestazionali hanno le singole attività e i singoli oggetti previsti dal tuo progetto.

Ora se vuoi, stabilito ad esempio che la nuova vernice muraria prevede un fondo di preparazione e, definito i caratteri tecnici della tua vernice lavabile, (nelle variabili: traspirante, protettiva, idrorepellente, anticorrosiva, ignifuga, riflettente ecc.) potrai definire il costo (sia della manodopera che del materiale) e confrontarlo nel mercato.

 

Prima di definire il dettaglio, di qualsiasi intervento edile, la quantificazione del prezzo è inutile, confronteresti esclusivamente i prezzi senza paragonarli alle prestazione/requisiti, otterresti così la scelta del prezzo più basso perdendo completamente di vista la qualità dell'intervento.

" sarà una meraviglia quando scoprirai che confrontando oggetti e servizi con caratteri identici, i prezzi si scostano veramente di valori trascurabili, sarà bellissimo così suggellare l'intesa con chi nella fase di progetto ti ha dato il consiglio migliore, capendo così bene le tue esigenze;

potrai affidargli l'esecuzione del tuo progetto o acquistare il prodotto che ti ha consigliato, sapendo che i tuoi soldi sono veramente ben spesi."

Quando per beni e servizi ci sono prezzi molto diversi tra loro stai confrontando caratteri non omogenei,

chiedi chiarimenti ai tuoi consulenti.

" SE SEI DETERMINATO/A A PROCEDERE IN AUTONOMIA col progetto, TI CONSIGLIAMO DI USARE SERVIZI di ristrutturazione CHIAVI IN MANO, i fornitori di questi servizi ti garantiscono una supervisione generale sulle fasi attuative del tuo progetto, COME SE FOSSERO DEI TUTOR,  il nostro SERVIZIO CHIAVI IN MANO si chiama ARCH360.